mercoledì 26 maggio 2010

Hanno piratato il brevetto anti pirateria!

Da www.trackback.it

http://www.trackback.it/articolo/warner-bros-accusata-di-violazione-di-brevetto-antipirateria/21591/

La famosissima casa di produzione cinematografica e televisiva statunitense è stata recentemente accusata dalla celebre Medien Patent Verwaltung per una violazione di brevetto. Si tratterebbe in particolare di un’innovativa tecnologia utilizzata per la lotta alla pirateria informatica, la quale è stata utilizzata più volte dalla Warner Bros senza alcun accordo o autorizzazione da parte della società proprietaria. Sempre secondo la società tedesca inoltre, la Warner avrebbe più volte rifiutato di firmare un contratto attraverso il quale ottenere una licenza.
La Warner Bros ha ultimamente annunciato la sua intenzione di combattere la pirateria attraverso una serie di interventi mirati ad ostacolare la diffusione di materiale coperto da copyright attraverso il file sharing. Il brevetto incriminato infatti è riferito ad una tecnologia che permette di inserire un codice distintivo nella colonna sonora di un film attraverso il quale è poi possibile risalire, nel caso del camcording, al cinema dove ha avuto origine la copia illegale.

Come se non bastasse, la MPV ha addirittura affermato di essere stata lei stessa a mostrare l’intera procedura al colosso cinematografico nel tentativo di cederlo attraverso un contratto di licenza. Se all’Ufficio brevetti però il brevetto è stato depositato come Marking of a Data Medium Material for Information Intended for Reproduction appare assai strano che nella causa presso un tribunale statunitense il brevetto 633 venga indicato come Motion Picture and Anti-Piracy Coding.

La Warner Bros non ha ancora rilasciato dichiarazioni ma fonti vicine alla società parlano di una volontà della stessa di dimostrare quanto le accuse siano infondate.


Niente da aggiungere...

1 commento: